• Registrazione

Login



Registrazione

*
*
*
*
*

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.

I DIRITTI DI ESCLUSIVA DEL TITOLARE DI UN BREVETTO

I brevetti svolgono, un ruolo importante ed a volte essenziale nell'ambito della ricerca. E, dunque, bisogna che l'imprenditore e il ricercatore impegnino il tempo e le risorse necessarie per gestire lo strumento brevettuale, sia per tutelare la propria tecnologia o il suo sfruttamento, sia per utilizzare al meglio il patrimonio di conoscenze e informazioni rappresentato dalla letteratura brevettuale.

La legge sulle invenzioni dice: "I diritti di brevetto per invenzione industriale consistono nella facoltà esclusiva di attuare l'invenzione e di trarne profitto nel territorio dello Stato, ....Tale facoltà esclusiva si estende anche al commercio del prodotto cui l'invenzione si riferisce, ma si esaurisce una volta che il prodotto stesso sia stato messo in commercio dal titolare del brevetto o con il suo consenso nel territorio dello Stato. ..."

Il diritto di esclusiva del titolare di un brevetto rappresenta, quindi, una delle caratteristiche essenziali del sistema brevettuale. Come vedremo, questo diritto è concesso dallo Stato come ricompensa per la descrizione completa di un’invenzione brevettabile. Il diritto di esclusiva copre determinati atti e con questo s’intende che ciascuno di questi atti può essere realizzato legalmente solo dal titolare del brevetto o con la sua autorizzazione. In altre parole ciascuno di questi atti è protetto dalla legge in favore del titolare del brevetto.

Il brevetto pone il suo titolare in una posizione legale per cui è richiesta una sua autorizzazione per l'attuazione del brevetto da parte di terzi. Se una società o una persona diversa dal titolare del brevetto vuole realizzare l'invenzione brevettata, è necessaria l'autorizzazione del titolare; senza quest’autorizzazione ogni attuazione dell'invenzione è illegale.

Questo diritto del titolare di un brevetto di escludere altri dall’attuazione dell'invenzione brevettata, è chiamato diritto di esclusiva in quanto permette al titolare di escludere altri dall’attuazione dell’invenzione brevettata, e perché egli è l'unico autorizzato ad attuare l'invenzione, a meno della concessione di autorizzazioni a terzi.

Questo diritto di esclusiva ha per il titolare di un brevetto due principali applicazioni pratiche:

• la protezione contro la contraffazione;

• la possibilità di concedere licenze sul proprio diritto.