• Registrazione

Login



Registrazione

*
*
*
*
*

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.

L’ESAME DI VALIDITÁ

In Italia il sistema brevettuale è caratterizzato, come in altri Paesi, dall’assenza di un esame preventivo della novità e originalità dell’invenzione oggetto della domanda di brevetto; ciò contrariamente a quanto avviene in altri Paesi, quali Germania, USA, Giappone, Olanda, Svezia (nonché nella procedura riguardante il brevetto Europeo), dove la concessione del brevetto segue un esame di merito dell’invenzione in relazione alla tecnica preesistente documentata dall’Esaminatore. Da questa differenza dei sistemi brevettuali deriva la distinzione, adottata nel settore della proprietà industriale, tra Paesi “con esame”, e conseguenti brevetti “forti”, dai Paesi “senza esame”, e conseguenti brevetti “deboli”, per i quali cioè non viene effettuato un esame rigoroso.

Il nostro UIBM effettua controlli concernenti:

a) la regolarità formale della domanda (tasse, allegati, ecc.);

b) la corrispondenza del titolo all'oggetto dell'invenzione;

c) verifica che la pubblicazione o attuazione dell'invenzione non siano contrari all'ordine pubblico o al buon costume;

d) la sussistenza dei requisiti di cui all'art.12 L.I.;

e) il fatto che la domanda riguardi una sola invenzione.

L’UIBM, qualora riscontri delle irregolarità della domanda, comunica i suoi rilievi al richiedente (o al suo mandatario) mediante lettera raccomandata, assegnando un termine, prorogabile fino ad un massimo di sei mesi, per la risposta.