• Registrazione

Login



Registrazione

*
*
*
*
*

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.

PROCEDURA DI REGISTRAZIONE

Il marchio internazionale poggia su una domanda di marchio nazionale. Prima di procedere al deposito di una domanda di marchio internazionale, pertanto, per i cittadini italiani occorre essere titolari di una domanda di marchio italiano.
La domanda di registrazione internazionale va presentata all'ufficio dell'OMPI con sede a Ginevra, tramite l'Amministrazione nazionale del richiedente (in Italia tramite l'UIBM).
Sono necessari i seguenti documenti:
a) modulo di domanda MI/1 redatto in triplice originale indicante:
- le generalità del richiedente;
- le generalità dell'eventuale mandatario;
- il numero e le date del deposito nazionale di base e, se avvenuto entro i sei mesi precedenti, l'indicazione di rivendicazione della priorità;
- un esemplare del marchio per ogni modulo, da applicarsi nell'apposito spazio (identico alla domanda di base);
- la descrizione dei prodotti rivendicati, secondo l'identica formulazione utilizzata nella domanda di base;
- la designazione dei Paesi di interesse;
- l'indicazione della modalità di pagamento prescelta;
- l'ammontare totale delle tasse secondo le classi di prodotti e i Paesi rivendicati;
b) una domanda in carta bollata con la quale, una volta indicate le generalità del richiedente e dell'eventuale mandatario, si chiede al Ministero dell'industria del commercio e dell'artigianato la registrazione internazionale del marchio ivi citato, per i prodotti e i Paesi d'interesse;
c) un verbale di deposito;
d) una lettera d'incarico;
e) l'attestato del versamento con bollettino intestato all'Ufficio registro tasse e concessioni di Roma.
L’OMPI, a seguito dell’inoltro della domanda, assegna al marchio un numero di registrazione, mentre la procedura di concessione è invece assoggettata alle modalità previste da ogni singolo Stato designato.
I rifiuti di registrazione, per i quali è prevista la replica, devono essere comunicati all’OMPI entro 12 mesi dalla data di registrazione internazionale. In assenza di tali rifiuti la protezione del marchio si intende accettata, salvo eventuali procedure di nullità o decadenza presentate davanti alle autorità nazionali competenti.