• Registrazione

Login



Registrazione

*
*
*
*
*

I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.

DISCIPLINA FISCALE

La valutazione di un bene immateriale viene considerata anche ai fini della normativa fiscale.
Ai sensi dell’articolo 85 del Testo Unico delle Imposte sul Reddito i proventi derivanti dalla cessione di beni di proprietà industriale rientrano fra i redditi di impresa se l’attività principale dell’impresa sia quella della predisposizione e vendita di brevetti o marchi.
Se questa non fosse la principale attività dell’impresa si entrerebbe nel caso dei redditi diversi assimilabili a plusvalenze.
Una norma particolare viene qui dettata in tema di ammortamenti dei cespiti derivanti da beni di proprietà industriale. L’ammortamento è, infatti, ammesso per un valore non superiore ad un terzo del costo di acquisto o di generazione del bene.
Tale norma sottolinea in modo più marcato la differenza sussistente tra la disciplina civilistica e la disciplina fiscale del bilancio.
Ai fini IVA le cessioni di beni di proprietà industriale ricadono nell’ambito di applicazione dell’imposta se effettuate, come avviene per tutti gli altri beni sul territorio nazionale.